ARTICOLI E DICHIARAZIONI

ARTICOLI E DICHIARAZIONI

MILANO - "Una giunta a trazione leghista, con un numero di assessori del partito di Salvini che doppia quelli di Forza Italia. Così si presenta la squadra designata oggi dal neo presidente Attilio Fontana, dove a stupire e deludere sono anche l'esiguo numero di donne scelte e la magra presenza di esponenti politici provenienti dalla città metropolitana di Milano. Mancano figure espressione dei mondi vitali e di quelle eccellenze di cui la Lombardia è ricca, con nomine limitate a una cerchia ristretta e prive di quella forza necessaria a imprimere un cambiamento alla nostra Regione. Premiate, quindi, le logiche di fedeltà a Salvini: noi dai banchi del'opposizione vigileremo affinché la nuova giunta serva gli interessi veri della lombardia e si adoperi per risolvere i problemi concreti dei lombardi, senza dover subìre le tensioni che si consumano a Roma".

Così in una nota il consigliere regionale del PD, Pietro Bussolati.

MILANO - "Ortica rinasce nonostante i vostri ignobili sfregi, sempre. Lo dico ai vigliacchi che nella notte hanno deturpato il murale dedicato al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nel quartiere dell'Ortica, con parole indegne. Un gesto vile e antidemocratico che cancelleremo, continuando a tenere viva la memoria di un uomo che ha servito le Istituzioni con dignità e responsabilità".

Così in una nota il segretario metropolitano del PD, Pietro Bussolati, esprime il suo sdegno per lo sfregio avvenuto nel quartiere dell'Ortica al murale dedicato al Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

MILANO - "L'annuncio del sindaco Sala di un aumento del costo del biglietto deriva da un'effettiva crescita e un miglioramento del sistema dei trasporti, a cui abbiamo assistito in questi anni, comprese la costruzione di due nuove linee metropolitane e la scelta di riqualificare la flotta in termini di mobilità sostenibile. Come dimostra oggi il via libera al primo autobus 100% elettrico.

Ora è necessario lavorare con sindaci della Città Metropolitana di Milano e Regione Lombardia per l'obiettivo di una tariffazione unica integrata, che coinvolga almeno tutta l’area metropolitana milanese. Una scelta, questa, che favorirebbe un maggiore utilizzo dei mezzi pubblici e quindi l’abbattimento dell’inquinamento, così come una riduzione della congestione stradale. Occorre superare le attuali tariffe, che non tengono conto dell’effettivo utilizzo del trasporto pubblico locale".

MILANO - "Mercoledì di passione per 350mila pendolari lombardi, ieri. Dalle 9 alle 17 si è fermato il 100% dei treni, in seguito allo sciopero indetto dal sindacato Orsa. La carenza di personale costringe a straordinari che superano il limite contrattuale, imponendo turni di servizi fino a 10 ore di fila.
C'è però una curiosa coincidenza, come denunciano oggi alcuni organi di stampa: il boom di soppressioni è iniziato proprio dopo che l'Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria ha avviato i controlli sugli straordinari del personale e sui materiali non revisionati.
Trenord è un’azienda ormai al collasso e fuori controllo, con macchinisti e capitreno che lavorano sotto organico mentre vengono elargiti premi aziendali per i dirigenti. In campagna elettorale Fontana non ha speso una parola sul sistema dei trasporti e sul futuro di Trenord. Adesso però Regione Lombardia deve delle risposte alle centinaia di migliaia di pendolari, che hanno diritto a viaggiare dignitosamente".

Follow me:


© 2017 Pietro Bussolati